Elvino Miali – Psicoterapia e Crescita Personale

Trauma bonding e relazione sadomaso

Conosci le analogie tra la relazione sadomaso e la dipendenza affettiva classica ?

In questo video ti spiegherò come può nascere e svilupparsi una vera e propria relazione sadomaso tra carnefice e vittima nelle relazioni caratterizzate da dipendenza affettiva. 

I sessuologi hanno sdoganato questo tipo di sessualità quando consenziente da entrambe le parti, ma nei casi di relazione tossica le cose non vanno allo stesso modo. 

Ho trovato analogie tra la relazione sadomaso e la dipendenza affettiva classica.

Nel secondo caso non vengono richieste direttamente prestazioni che hanno a che fare con il piacere provocato dal dolore, ma ci si può gradualmente arrivare se il carnefice adotta la sua ben nota strategia: love bombing prima; svalutazione, scarto e ritorni poi.

Questa è sempre la base, in qualsiasi relazione in cui viene indotta una dipendenza biochimica.

Sia che il gioco avvenga ‘dal vivo’ che ‘on line’, il manipolatore, approfittando del fatto che ha già fatto innamorare la vittima senza provare a sua volta nulla a livello sentimentale, dà inizio a richieste sempre crescenti che una volta soddisfatte gli danno potere sull’altro e la sensazione di averne il controllo. 

In realtà si sta nutrendo come un bambino.

Lui minaccia di andarsene se lei non esegue, e lei per non perderlo cede.

Avviene un fenomeno importante dal punto di vista mentale:

tanto più alta è la resistenza che la ‘vittima’ porta cercando di opporsi al volere del ‘carnefice’, tanto più grande è il potere che concede nel momento in cui cede. 

Porto un esempio che può riguardare la vita quotidiana di ciascuno di noi: l’alimentazione.

Supponiamo che tu sia a dieta, ma hai un tallone d’Achille: ti piacciono molto i cioccolatini. Se ti riprometti di non mangiarne, nel momento in cui cederai alla golosità, non ne mangerai solo uno, ma tanti.

Accade la stessa cosa con il narcisista manipolatore che vuole portare l’altro in una relazione sadomaso. 

Ti fa provare sensazioni che non avevi mai sentito in vita tua; anzi forse qualcuno, in precedenza, aveva cercato di convincerti che avevi poca energia erotica.

Nel momento in cui il manipolatore riesce a coinvolgerti, tu attribuisci a lui il merito di aver trovato questo giacimento di energie.

Questo è il punto.

Prendi consapevolezza del fatto che questa carica energetica o erotica che hai contattato, non avrebbe potuto sprigionarsi se non fosse stata già tua.

E’ quindi una bella risorsa che potrai utilizzare con chi vorrai.

Il potere non darlo ad altri: recupera il potenziale che c’è in te, perchè quel giacimento è tutto tuo. 

Buon cammino

Elvino Miali | Via Carducci, 13 – 30171 Mestre VE | P. Iva: 02801620275

Crescita Personale e Psicoterapeuta | Medico Psicoterapeuta a Mestre Venezia - Chiamami: 3939548547