Scimmie volanti e abuso narcisistico

Scimmie volanti, scimmie voltanti!

Ti stupiresti se ne incontrassi una, vero? Eppure alcune persone lo sono inconsapevolmente.

Il termine trae origine dal film “Il mago di Oz”, in cui la strega cattiva usava delle scimmie volanti affinché compiessero per lei il lavoro sporco.

Nell’abuso narcisistico si tratta invece di persone che l’abusante utilizza per compiere campagne diffamatorie nei confronti di una persona -in genere l’ex- disegnata come stalker, pazza o maniaca.

In questo modo raggiunge il bersaglio senza sporcarsi le mani, lasciando la sua immagine pura e immacolata.

Thomas Shannon nel suo libro “Guarire dall’abuso nascosto”, descrive il fenomeno grazie ad un efficace paragone: è come togliere una sicura a una bomba, osservandola esplodere a distanza di sicurezza.

Esistono due tipi di scimmie volanti.

La prima, consapevole, può essere un narcisista minore che gode della sottile arte di seminare zizzania, facendo così il gioco del narcisista capo.

La seconda, inconsapevole (spesso la nuova fiamma del narcisista), rimane impressionata dai racconti diffamanti, ignara che in futuro sarà lei stessa a diventare vittima di questo gioco.

Dunque attenzione.

Se ti senti fortemente spinta a schierarti a favore di qualcuno al punto che i suoi nemici diventano i tuoi nemici.

O se ti trovi a provare disprezzo per chi, in fondo, non conosci… aspetta.

Non prendere posizione, a meno che tu non abbia prove schiaccianti.

E se per caso sei la nuova fiamma, stai in allerta.

La prossima vittima potresti essere tu.

Buon cammino