Psicoterapeuta Mestre Padova

Quando lui non è pronto per una relazione: i 10 campanelli d’allarme

Spesso mi viene chiesto quali siano i segnali indicatori che il ‘lui’ della situazione non sia ancora pronto per una relazione. 

La premessa è che le relazioni interpersonali, soprattutto quelle affettive, ci mettono alla prova rispetto ai nostri punti deboli, per cui risulta molto difficile stabilire chi è davvero pronto per un rapporto di coppia. 

Detto questo, vorrei limitarmi a descrivere quei punti che sono ‘indicatori di immaturità’ e che coinvolgono quei personaggi che mettono in atto meccanismi manipolatori a proprio vantaggio.

Perché ciò è frequente negli uomini?

Perché l’uomo, rispetto alla donna, ha maggiori difficoltà nell’entrare in intimità con l’altro, agendo quindi con distacco.

Mentre la donna ha più difficoltà nell’accettare di poter essere abbandonata.

Di seguito le situazioni più frequenti: 

  • Non è pronto per una relazione se è già impegnato, ovviamente.  Anche se sostiene di essere separato in casa, che nulla lo lega più alla moglie, che è in procinto di separarsi. Iniziare una relazione come alternativa a quella ufficiale, anche se apparentemente vi sembra di essere state scelte, non è la situazione migliore poichè, una volta diventate la partner esclusiva, cadranno le condizioni presenti al momento in cui vi siete conosciuti: la novità, la trasgressione, l’amore finalmente ritrovato, ecc…                                                                                            
  • Una seconda condizione è quella del profugo, ovvero quando viene da una relazione che è terminata in modo particolarmente burrascoso e quindi parla male della ex. E’ un segnale d’allarme tipico dei manipolatori affettivi.                                                                                   
  • Quando non vede l’ora di pubblicizzare sui social il nuovo amore con te:  anche se può essere gratificante, in realtà si tratta di un atto dimostrativo nei confronti della ex, che sta facendo soffrire.                                                                                                                                                       
  • Se ha fretta e insiste per accelerare i tempi: la frequenza con cui ti messaggia o con cui ti telefona, quando vuole convolare a convivenza o nozze.                                                                                                                    
  • Il silenzio punitivo e in generale i silenzi. Se dopo un periodo apparentemente tranquillo, all’improvviso sparisce o mette il muso perché rimproverato di qualcosa.                                                                     
  • La richiesta di denaro: alcuni manipolatori sono fondamentalmente egoisti e possono essere interessati a te in quanto buon partito. Non è necessario che tu sia ricca, ma se in una relazione appena cominciata ti vengono richiesti prestiti, perché “questo è un periodo sfortunato”, allora andrei cauta nell’accelerare i tempi su qualunque decisione.                                                                                                                 
  • Se si tratta di persone che hanno avuto dipendenze da sostanze, anche se ora ne sembrano uscite, occorre prudenza.                                                                                                                                                                     
  • Se comincia ad attuare svalutazioni verbali, apprezzamenti negativi sia riguardo alla tua estetica che al tuo carattere, e soprattutto quando si rivolge a te con abituale ironia, per provocarti dolore e sofferenza.                                                                                                                               
  • Quando giudica tutto e tutti. Anche se in questo momento l’unica persona che si salva sei tu, non durerà a lungo. Gli individui giudicanti si siedono su un piedistallo rispetto al mondo e cercano ogni occasione per sentirsi superiori.                                                                                             
  • Ultimo punto è se entrambi avete un grande bisogno di amore. Quando l’amore va a colmare dei vuoti, non è mai una cosa buona perchè se l’altro dovesse non esserci più, rimarrebbe la mezza mela e non una mela intera. 

L’amore non deve essere usato per colmare vuoti, ma per condividere e crescere insieme.

Se vuoi trovare la persona giusta, il mio consiglio è di diventare la persona giusta.

Una persona che si regga sulle sue gambe è una persona che in mancanza dell’altra rimarrà sempre nella sua autonomia e autostima.

Buon cammino