Narcisismo patologico e dipendenza. Live 26 Aprile 2018

Proseguo, con questo articolo, nel rispondere ad alcune domande poste dal pubblico che mi segue.

“Com’è possibile capire se il narcisista è consapevole di fare del male?”

E’ un’interrogativo che ci si pone, perché si rimane increduli di fronte alla cattiveria e all’insistenza, talvolta perversa.

La persona empatica non potrebbe mai muoversi secondo queste modalita’ e non si capacita davanti a tali comportamenti.

La risposta è che il narcisista è consapevole, ma il livello di consapevolezza può variare.

Può essere che non sia cosciente di tutto, comprese le sue problematiche nascoste.

Il narcisista prova un senso di vuoto:  è, ad esempio, portato a fare uso di sostanze o può sviluppare una dipendenza dal sesso.

Spesso non sa il perché, nè comprende il motivo delle sue problematiche inconsce.

Il punto fermo è che procura del male.

A volte si diverte, a volte è soddisfatto solo nel controllo assoluto dell’altra persona e per ottenerlo deve mettere in atto comportamenti così astuti e così protratti nel tempo che non può non rendersi conto.

Non è suo interesse intraprendere un percorso di psicoterapia poichè, tranne in rari casi, quando le cose vanno male, il narcisista andrà al più a sviluppare sintomi vari tra cui depressione o disturbi ipocondriaci.