Come arrivare al ‘no contact’ col narcisista patologico

Quando la tua storia da meravigliosa diventa prima un problema e poi pericolosamente insopportabile…

‘Devo e voglio staccarmi’, ti dici. ‘E’ troppo il dolore!’

No contact?

Facile a dirsi, ma molto meno a farsi.

Se questo è il momento che stai vivendo e ti senti bloccata/o nella situazione, è necessario ridurre sino ad un grado gestibile e sopportabile la sofferenza che provi al pensiero di allontanarti .

Ti insegnerò come fare attraverso una tecnica di auto-aiuto che porterà, giorno dopo giorno, a calmare la tua mente e a far diventare realtà quello che oggi sembra solo un sogno.

Poni di fronte a te un cartoncino (o un post-it) e fai scorrere lentamente una penna per tutta la sua lunghezza, fino al punto in cui sta per staccarsi da esso.

Questo rappresenterà simbolicamente il momento del distacco, quello che non riesci a mettere in pratica senza avvertire una notevole sensazione di abbandono e di dolore.

Misura da 0 a 10 il livello di disagio che provi all’idea di prendere le distanze e segnalo su un quaderno.

Soffermati ancora su questa sensazione e comincia a calmare la mente, effettuando dei colpetti con le dita sotto le clavicole, incrociando al tempo stesso i polsi.

Fai passare circa un minuto e poi scrivi sul quaderno quali pensieri, immagini e emozioni hai provato. Mettere il tutto su carta aiuterà a liberarne la mente.

Ripeti il processo per un minimo di due volte e fallo tutti i giorni, almeno una volta al giorno, per il tempo necessario a far calare il punteggio iniziale sotto il 6.

Solo quando si abbasserà al di sotto di quella soglia, sarai in grado di far fronte all’ansia da separazione.

So quanto è difficile stare con se stessi in tale situazione, ma il premio per tutto questo non ha prezzo: si tratta di te.

Il futuro ti sta aspettando e puoi portargli in dono la libertà.

Buon cammino