Perdonare un narcisista

Se hai una relazione con una persona narcisista a livelli patologici sai cosa vuol dire vivere di rabbia, delusioni, sensi di colpa ma rimanere ancorati al dolore è come bere un veleno sperando che a morire sia l’altro. Liberarsi del risentimento è l’unica via per cambiare decisamente in meglio la tua vita.

Sto parlando del perdono, tuttavia c’è un problema: se il perdono non è un sentimento facile da comprendere lo è ancora di meno metterlo in pratica. Perdonare non significa, infatti, smetterla di farsi valere, ne’ dimenticare o far finta che non sia successo nulla. Accogliere e accettare la rabbia è il primo passo per poi lasciarsi andare. Perdonare non è permettere all’altro di fare il bello e il cattivo tempo nella relazione. Significa, invece, lasciar andare la rabbia e concentrarsi su priorità più importanti che lasciarsi ossessionare dal torto subito.

Detto questo se perdonare è cosa buona e giusta, sentirlo veramente non andrà da se’ e non è che indossare una maschera ti farà sentire meglio, anzi. Dunque per prima cosa impara a comunicare in maniera assertiva, questo placherà la tua sete di giustizia. Perdona a prescindere dal comportamento dell’altro perché se aspetti che lui se lo meriti, aspetterai all’infinito.

Scegliendo di perdonare la tua autostima dipenderà da te e non da chi si ritiene detentore della verità. Se cerchi approvazione o riconoscimento da una persona narcisista stai permettendo di essere giudicata da chi non ha nessuna idea di come si incoraggiano veramente gli altri.

Scegliere di vivere una vita gratificante è molto più importante che sperare in un suo cambiamento.

Buon cammino.